La mission dei progetti pastorali

Postato il


Un amico è impegnato nel lancio di un progetto pastorale, mi ha chiesto un parere
su alcuni nomi che sono venuti fuori per far conoscere il progetto.
Io ho chiesto quale fosse lo scopo, gli obiettivi e i sogni da realizzare dietro questo progetto,
prima di poter scegliere un nome, la risposta è stata vaga.

Nel Marketing il nome di un prodotto-servizio è l’ultima cosa da fare, anche se di importanza capitale.
Prima occorre chiarirsi le idee attraverso una Vision che poi si traduca in una Mission specifica, sulla base della quale scaturiscono tutte le scelte seguenti in modo coerente. Questo modo di procedere agevola di molto i passi successivi.

In pratica la Mission è TUTTO.

Occorre pensarla a fondo e bene, prima di applicare le strategie e le tattiche seguenti. Il nome appunto è una tattica fondamentale ma si deve basare sulla Mission.

Cosa è una Mission?
Provo a spiegarlo in parole semplici. Una Mission è il cuore pulsante di una impresa, è la realizzazione di una Vision che invece è solo futuro visionario. La Mission comunica con tutto il mondo intorno all’impresa, la sua storia, i suoi sogni realizzati, le sue aspirazioni e la collaborazione richiesta a tutti coloro che vengono a contatto con l’impresa.
In Pratica la Mission spiega esattamente da dove parte e dove vuole arrivare l’impresa e con chi.
Nella Mission occorre considerare i punti di forza nostri, quelli che vogliamo sviluppare. Eventualmente le motivazioni. Nella Mission occorre definire a chi ci si rivolge, giovani, anziani, che diventano un preciso riferimento.
Insomma la Mission deve parlare chiaro a Noi e a tutti gli altri.
(per approfondire cfr: http://pandemiapolitica.wordpress.com/2013/01/03/la-mission-pandemica/ )

Una Mission NON E’ detto che sia esplicita e scritta, sufficiente che sia chiara a tutti coloro che partecipano all’impresa. Personalmente suggerisco di Esplicitarla, in modo da chiarirsi e non avere dubbi su ciò che si sta facendo.
La Mission scritta deve essere SINTETICA, Breve, leggibile tutta di un fiato e magari riassumibile con uno slogan.
Ad. es. Just do it, della Nike traduceva magnificamente la Misssion Nike
così come in Italia lo slogan di Barilla ” dove c’è B…. c’è casa”, traduceva perfettamente la sua Mission.

Per scrivere una Mission occorrono minimo 6 mesi, metterla a punto, limarla, perfezionarla. Inoltre va sempre monitorata, per aggiornarla, migliorarla, attualizzarla. Non scoraggiatevi, ma vi assicuro che una volta scritta e condivisa, elimina infinite litigate a seguire, come appunto quella di non sapere esattamente il nome da dare al progetto.
Inoltre il progetto stesso ha una linea guida che tutti conoscono e permette di remare tutti nella stessa direzione.
Pertanto partite dal piede giusto, iniziate a parlare di Mission del progetto con i vostri collaboratori, esponete le varie problematiche, dalla storia al futuro. Se avete bisogno di un aiuto scrivetemi pure, lieto di poter offrire un contributo.
393 5561322
porlandi05@gmail.com

Post Scriptum
La VISION per noi cattolici è l’Evangelizzazione !!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...