Mese: ottobre 2014

La via della ‘B’ellezza: estetica e teologia per percorrere l’umano

Postato il Aggiornato il


Cari amici,

una semplice aneddoto personale mi ha spinto a condividere con voi queste riflessioni, e a indicare alcuni strumenti bibliografici su quanto sto per dire.

Nel digitare la parola ‘bellezza’ sul motore di ricerca google ho visto come la risposta della rete sia frammentaria e allo stesso tempo onnicomprensiva. Bellezza del corpo? nell’arte? E ancora: bellezza interiore? Bellezza della natura?

Dove noi uomini e donne di fede rintracciamo la sorgente unica e fondante della bellezza? In Dio Padre, creatore di tutte le cose: reso manifesto dal Figlio dall’evento dell’Incarnazione. Ma la teologia – a partire dalla Sacra Scrittura – si spinge oltre: la bellezza per l’uomo di fede è la ‘croce’, l’evento Pasquale vissuto da Cristo.

La teologia di fatto si è sempre occupata della dimensione della bellezza. Tutto nella Chiesa esprime e riporta al mistero comunicato della Bellezza divina: la liturgia, i sacramenti, l’arte cristiana.

Vi offro alcune indicazioni bibliografiche di semplice approccio – piccoli testi agili e semplici alla lettura – per approfondire da un punto di vista teologico la dimensione della bellezza.

BIBLIOGRAFIA:

Bruno Forte, LA PORTA DELLA BELLEZZA. PER UN’ESTETICA TEOLOGICA, ed. Morcelliana.

Bruno Forte, LA VIA DELLA BELLEZZA. UN APPROCCIO AL MISTERO DI DIO, ed. Morcelliana.

Marko Ivan Rupnik, VIA DELLA BELLEZA SAPIENZA DIVINA, ed. Feeria.

Michelina Tenace, LA BELLEZZA. Unità spirituale, ed. Lipa.

Gianfranco Ravasi, LA BELLEZZA SALVERA’ IL MONDO, ed. Marcianum press.

Gianfranco Ravasi – Marko Ivan Rupnik, IL FASCINO DEL BELLO. TRA BIBBIA E TEOLOGIA, ed. San Paolo.

Buono studio, d.Andrea.

Annunci

il Virus-Fede e il modo di diffonderlo

Postato il Aggiornato il


http://resscientiae.wikia.com/wiki/File:4577519-cold-virus-virus-influenza-dna-virus-staphylococus-blood-virus-hiv-virus-computer-virus.jpg

In questi giorni di notizie e informazioni varie,dai disastri ambientali al sinodo, dalla immigrazione alle varie di politica, per associazione di idee mi è balenata alla mente un aspetto della Fede che merita approfondimento.

La Fede e il modo attraverso il quale riusciamo a trasmetterla agli altri è un aspetto essenziale, che va sotto il nome di evangelizzazione. Gesù stesso ha indicato più volte nei vangeli di diffondere la sua parola a tutti, come obbligo di ogni cristiano.
Ora chiediamoci, in quale modo lo possiamo fare

Penso che un utile esempio sia quello di considerare la possibilità di diffondere la Fede in Gesù Cristo come se fosse un Virus. non voglio essere irriverente, ma solo proporre una riflessione personale per aiutare tutti noi a diffondere il Vangelo. Ovvio che il post scaturisce da quello che sta accadendo nel campo medico-sanitario con il pericolo del virus Ebola.

Domandiamoci come si diffonde un virus

In vari modi, a seconda della tipologia. Qualcuno per contatto semplice, altri solo con la saliva, altri solo con scambio di sangue, altri ancora attraverso l’aria .
Ogni virus ha un mezzo di trasporto, più o meno veloce, che gli permette di infettare tante persone in modo esponenziale, dal paziente zero a ….. milioni di persone. – tutte le mamme sanno che un bimbo raffreddato al nido tempo pochi giorni e …. tutti infettati-.

Se consideriamo il Virus-Fede dobbiamo chiederci quale possa essere il mezzo di trasporto migliore per diffonderlo e come poterlo indirizzare per infettare tante più persone possibili.

Io penso che possiamo identificare facilmente come il miglior modo per infettare le persone del Virus-Fede sia l’esempio deel vivere cristiano. Non tanto le parole, ma il FARE della nostra vita in senso Cristiano pieno.
Un VIVERE pienamente la Fede, in senso sociale pieno, e dichiararlo senza vanto, ma con cognizione di causa.
Mettere in pratica il messaggio del vangelo, specie senza indossare divise e senza mandati particolari, semplicemente vivere la cristianità nella quotidianità.
Mettere da parte sempre la presunzione orgogliosa che spesso si nasconde dietro atteggiamenti di falso fideismo che allontana le persone invece di avvicinarle.
Solo se le persone si avvicinano a Noi, nel vivere cristiano, possiamo infettarle del Virus-Fede alla luce della Grazia.
Penso che questo sia il principale modo di diffusione.
Poche Parole Molti fatti illuminati da Cristo, in ogni campo della nostra vita.
Il principio virale, ormai da anni è usato per diffondere prodotti di vario genere e funziona solo se il prodotto è straordinario.
Sono fermamente convinto che il messaggio Cristiano, la BUONA NOVELLA sia estremamente stra-ordinario, sta a noi viverlo umilmente e infettare tutte le persone, solo se le infettiamo le potremo aiutare a riconoscere la Grazia che li illumina e salvarli.
Consideriamo poi che se riuscissimo a infettare anche solo una persona, questa a sua volta sarà un portatore sano de il Virus- Fede e così scateniamo un pandemia Cristiana evangelizzatrice, oggi quanto mai auspicabile.