“Ripensare la famiglia”: per un approccio critico al Sinodo

Postato il


Cari amici,

vi propongo un piccolo testo di don Vinicio Albanesi intitolato: Ripensare la famiglia. Per un cambio di passo nella Chiesa. Edizioni Ancora 2015.

Ritengo di particolare interesse il messaggio sintetico che se ne può trarre: la necessità di rimettere al centro il Matrimonio come sacramento. Dico di particolare interesse perchè don Vinicio – già presidente del Tribunale ecclesiastico piceno – riesce a riportare l’attenzione sulla necessità di ripartire nel matrimonio – ma in generale nella vita della chiesa – dalla dimenzione sacramentale e dunque spirituale.

Il testo di presenta come un’agile e immediata meditazione. La lettura non viene appesantita da argomentazioni ‘per pochi esperti’, così da permettere un approccio a laici e sacerdoti senza troppe difficoltà concettuali.

Di fatto – sappiamo bene – in merito a questo Sinodo si sta dicendo ‘tutto e il contrario di tutto’, perdersi dietro alle nostalgie o a illusorie aperture future mi sembra eccessivamente ingenuo come atteggiamento per una persona credente. Nessun pontefice può negare 2000 anni di cammino compiuto dalla Chiesa come prassi sacramentale e normativa, ma allo stesso tempo è giunto il momento di un intelligente e sapiente ‘ripensamento’ – come sottolinea l’autore – capace di rendere ancora giovane e comprensibile il millenario tesoro che abbiamo ereditato.

Dunque bando alle facilonerie e alle sciocche ingenuità, apprezziamo e cerchiamo di fare sempre più nostro invece il grande patrimonio che i nostri ‘padri’ ci hanno consegnato.

Buona lettura, don Andrea.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...